Scarlett – La trilogia. Dal 20 gennaio in libreria!

Scarlett-copertina-internet— “Fallen in love” dicono gli inglesi… perché amare è come cadere lungo la china di un sentimento che divora tutto. E quando quel sentimento viene a mancare, dentro di te rimane solo il vuoto. Vorrei non aver mai provato questo amore, perché aver amato e perduto è peggio che non avere mai amato.
Un nodo mi stringe la gola. Rimango per qualche istante in silenzio, incapace di ribattere. Poi, con voce tremante, riesco a dire: — È per questo che ora stai rifiutando tutte le regole che ti eri imposto?
— Tu mi hai fatto sentire vivo per la prima volta — ringhia Mikael. — Ma ora c’è un vuoto, dentro di me. E quel vuoto è affamato di emozioni. Cerco di placarlo con l’alcol, l’adrenalina, la rabbia. Guardami, Scarlett. — Il suo viso è una maschera di risentimento. — È questo che sono diventato. È questo che hai fatto di me.
Le lacrime iniziano a scendere, annebbiandomi la vista. — Ti prego, Mikael… non guardarmi così. Dev’esserci qualcosa che possiamo fare!
— Leggera, stupida, incosciente ragazza. Hai gettato il mio cuore all’Inferno — replica. — Come puoi, ora, pretendere che batta ancora nel mio petto?
Mi sforzo di sostenere il suo sguardo. — Se il tuo cuore è davvero all’Inferno, allora andrò a riprendermelo.

Dal 20 gennaio in liberia «Scarlett – La trilogia» (Mondadori)

Scarlett ha sedici anni e un nome rosso come il fuoco ma sono due occhi di ghiaccio a trafiggerle il cuore. Quando vede Mikael, il bassista dei Dead Stones, sul palco al concerto della scuola, capisce subito che niente sarà più come prima. È irresistibile, talmente bello da non sembrare vero. Anche Mikael sembra essere attratto da Scarlett, eppure un attimo dopo la respinge come se un’ombra misteriosa incombesse su di lui e non gli permettesse di abbandonarsi ai sentimenti. Il giorno in cui il bibliotecario della scuola viene assassinato da una creatura soprannaturale, Scarlett scopre il segreto di Mikael. Non è umano, lui è un Guardiano, un Mezzo Demone. Il suo compito è difendere gli umani dalle incursioni dei Demoni, preservando così l’equilibrio tra i due mondi. L’amore tra Mikael e Scarlett è impossibile. Se il ragazzo si abbandonasse fino in fondo alle passioni la sua componente demoniaca prenderebbe il sopravvento, rischierebbe di precipitare all’inferno e di compromettere per sempre la sua missione sulla Terra. Mentre la guerra tra Demoni e Guardiani si fa ogni giorno più accesa, Mikael e Scarlett insieme devono combattere per salvare il loro amore. Un amore talmente grande da rendere, forse, possibile anche l’impossibile.

  • Scarlett – La trilogia. Contiene i romanzi Scarlett, Il bacio del demone e l’inedito La terza luna
  • Copertina flessibile: 860 pagine
  • Editore: Mondadori (20 gennaio 2015)
  • Collana: Chrysalide
  • ISBN-10: 8804647388
  • ISBN-13: 978-8804647386

Solo l’amore più grande può bruciare oltre le fiamme del rogo

L'illustrazione in copertina è di Nicoletta Ceccoli
L’illustrazione in copertina è di Nicoletta Ceccoli

Uscirà martedì 11 marzo il mio nuovo romanzo Striges – La voce dell’ombra.

Zoe sognava di ribellarsi al suo destino di strega e inseguire la libertà insieme a Sebastian, l’inquisitore di cui è innamorata, il suo carnefice. Ma la moto su cui stanno fuggendo finisce fuori strada, e Zoe si risveglia dopo un lungo coma in un luogo sconosciuto. Non ricorda nulla dell’incidente né di Sebastian, ma un nome compare nei deliri della febbre: Adam. Chi è lo sconosciuto emerso dal suo inconscio? E chi sono le creature che popolano i corridoi del santuario, l’istituto in cui le streghe della Sorellanza la stanno curando affinché compia il suo apprendistato? Semidei, vampiri, fate, mutaforma e le più varie creature vittime di persecuzioni trovano asilo tra le mura dell’accademia. Ma Zoe non avrà pace finché non realizzerà il solo incantesimo che le stia a cuore: ricostruire il proprio passato e ritrovare il suo grande, impossibile amore.

La presentazione di Striges – La voce dell’ombra è fissata per giovedì 13 marzo alla libreria IBS di Bologna (via Rizzoli, 18) alle ore 18:00. Moderano l’incontro Alberto Sebastiani (giornalista de La Repubblica) e l’artista Paolo Barbieri.

All’uscita del volume mancano

[ujicountdown id=”scar” expire=”2014/03/11 09:00″ hide = “true”]

In contemporanea con l’uscita del volume, Mondadori annuncerà la sua decisione in merito all’uscita di Scarlett 3

Striges: la recensione su Rikitalk

Oggi vi propongo una recensione di Striges uscita sul blog di Riccardo Cogliati, Rikitalk. Enjoy!

“Trovare qualcosa che non si può possedere è peggio di non averlo mai trovato.”

Foto di Giulia Anichini“Leggendo questo romanzo di Barbara Baraldi ho capito perché la scrittrice abbia un nutrito schieramento di fan: semplicemente, è un’ottima scrittrice. Sa guidarti con sapienza nella storia, sa tenere sempre alto il ritmo della lettura e usa un pregevole stile narrativo, che scorre e ti permette di apprezzare i personaggi.

Striges parla di streghe, come ultimamente anche molti altri racconti, ma lo fa in una maniera nuova che a me è molto piaciuta. È infatti uno dei punti di forza del romanzo la spiegazione del “mondo” da cui proviene la stirpe di Zoe, la protagonista. Un mondo lontano dallo stereotipo del cappello a punta e il pentolone, un mondo credibile e realmente magico, dove le tanto bistrattate streghe si prodigavano in cure e vivevano in simbiosi con le forze della natura.

La storia che sta dietro alla storia mi ha molto coinvolto e ho potuto così apprezzare i turbamenti, inevitabili, che la presa di coscienza di Zoe ha scatenato in lei.”

Per leggere tutta la recensione, basta cliccare qui: http://www.rikitalk.it/striges-la-promessa-immortale/

La foto per corredare l’articolo è della mia splendida lettrice Giulia Anichini.

 

Striges: la recensione per Urban Fantasy firmata Roberta De Tomi

Oggi vi propongo la recensione di Striges uscita sul portale Urban Fantasy e firmata dalla giornalista e scrittrice Roberta De Tomi, sempre attenta alle problematiche legate all’essere donna e che ha saputo esaminare il testo con una profonda sensibilità. 

Dante interpreta Nosferatu. Foto di Emanuela ZiniUn romanzo che conferma, ancora una volta, il talento narrativo e la versatilità di Barbara Baraldi.

Tra fantasy e romanzo di formazione, il nuovo lavoro dell’autrice considerata la regina del Nuovo Gotico italiano, ammalia trascinando il lettore nel cuore di eventi sviluppati sul tema dell’amore impossibile, reso in tutta la sua complessità, grazie a uno stile inconfondibile e a un’impeccabile costruzione.

Quando l’antica cultura popolare incontra e s’immette in un contesto contemporaneo, nuovi spiragli si aprono, abbattendo pregiudizi e dimostrando la labilità del confine tra il bene e il male. Accade in Striges, il dark fantasy che riprende e approfondisce tematiche presenti anche nella saga di Scarlett; nel nuovo lavoro la promessa immortale è sancita dai due protagonisti, una strega e un Inquisitore, legati da un sentimento “proibito”, quell’amore impossibile, ma proprio per questo, tanto più “eroico”, che ha visto protagoniste le coppie più celebri della letteratura mondiale. La penna di Barbara Baraldi intesse la tela di un mondo possibile che cattura il lettore in un vortice di emozioni, accresciute dall’evolversi e dal successivo precipitare degli eventi. Al centro di questi, si pone la giovanissima Zoe, che al compimento dei diciassette anni, viene iniziata a un segreto che la riguarda personalmente. E da questo momento per lei inizia un percorso di maturazione e di presa di coscienza, che le fanno capire di essere “speciale”, e non una nerd da ostracizzare perché “diversa”.

Tenere in mano una farfalla, equivale a tenere in mano un sognoDa sempre Zoe è vista con sospetto, a causa degli occhi gialli e del carattere introverso. Isolata da tutti (ma non dall’amica Chloe), la ragazzina, orfana di madre, convive con un padre che in tempi di crisi economica è spesso assente per lavoro. Un giorno la ragazzina, trova e adotta un furetto, Nosferatu e, successivamente, scopre per caso una lettera della madre, che le consente di accedere a inquietanti verità: Zoe scopre di essere una strega, come la donna, morta in tragiche circostanze, e come Sam, la proprietaria del Bloody Mary, che, pur in maniera conflittuale, la accompagna nel percorso di iniziazione magica. A complicare la situazione è l’amore per Sebastian, un bellissimo giovane, che scopre essere un Inquisitore. Il loro legame è in realtà “vecchio di quattrocento anni” e… impossibile, proprio perché appartenenti a diversi schieramente. A questo punto Zoe è costretta a compiere una scelta, in vista di una battaglia che si prospetta sanguinosa…

Il termine striges (al singolare, strix), letteralmente significa animale notturno e indica animali (gufi, barbagianni etc…) che, secondo le antiche tradizioni popolari, incarnano quella saggezza, di cui anche le streghe sono detentrici. Basti pensare che la wicca è una “donna sapiente”, con un’accezione positiva che si riconnette ai culti della Dea, riesumati negli ultimi decenni. Nel corso dei secoli, con l’affermarsi della società patriarcale e con la diffusione del cristianesimo, le antiche concezioni vengono assorbite, al punto che la strega diventa una figura negativa, contrapposta a quella “angelicata” della donna madre-Madonna. Una dicotomia che confluisce nella tradizione fiabesca, con la contrapposizione fata-strega. Nel romanzo di Baraldi, viene riesumato il concetto positivo di questa creatura, ben oltre le schematizzazioni. La strega è la detentrice di un potere immenso, visto con sospetto da coloro che incarnano un’autorità precostruita, ovvero gli inquisitori. Zoe è una predestinata, la cui figura evoca quella di altre streghe celebri.

Dalle sorelle Halliwell della serie cult Charmed, alla Sarah di Connie Furnari (autrice di Stryx), passando per le tre amiche di Eastwitch, sedotte dal diavolo-Jack Nicholson, questa figura è diventata protagonista di molte vicende che hanno appassionato milioni di followers nel mondo. Diverse le sfumature rese: alcune connesse ai più classici e già citati schemi fiabeschi; altre legate al sapere detenuto dalla strega, che proprio per questo, è vista con sospetto. Zoe ha negli occhi la diversità che la porta a essere ostacizzata. Per questo suo connotato i compagni di scuola faticano ad accettarla, atteggiamento che porta la ragazzina a sviluppare una forma d’insicurezza che le impedisce di mostrare le proprie, innegabili qualità. Zoe è un’esclusa, non come la protagonista dell’omonimo romanzo di Pirandello, ma perché diversa, esattamente come quelle donne che l’Inquisizione ha mandato al rogo. Donne scomode, perché hanno conoscenze che rischiano di mettere a repentaglio l’autorità che basa il proprio potere su scritti ufficiali, volti a fidelizzare e omologare la gente, in cui viene innestato il germe del pregiudizio sociale.

Una giovane donna “speciale”, ma che sembra incapace di amare; finché non incontra Sebastian. E allora, pur tra il disappunto di Nosferatu, che si rivela essere il suo famiglio, il cuore si scioglie, abbracciato dall’amore. Zoe impara il significato di qualcosa che aveva sempre guardato con sospetto, ma al contempo, è costretta a fare una scelta. Il legame con Sebastian è antico; Barbara Baraldi richiama la situazione vissuta dalla Luce della saga di Fallen, con un amore reincarnato e impossibile, che può determinare la morte. L’accostamento è lampante, complici anche le affini atmosfere dark; l’autrice italiana però si avvale di una costruzione che attinge fortemente al thriller, oltre che al suo personalissimo stile. D’altro canto, il tema dell’amore “alla Giulietta e Romeo”, viene già sviluppato nei due libri dedicati a Scarlett, sulla scia del tema “angeli e demoni”. Rispetto ai precedenti, Striges rappresenta un ulteriore “passo avanti” per una delle penne più versatili del panorama editoriale italiano e uno dei lavori più affascinanti.

Foto di Ilenia RestaniPersonaggi, ambientazioni, costruzione: i tasselli del gioco narrativo sono incastrati perfettamente, senza mai risultare scontati. Barbara Baraldi dimostra ancora una volta di saper ideare storie strutturate su escalation in cui i colpi di scena sorprendono. Lo stesso discorso vale anche per il finale, che lascia con il fiato sospeso e sorprende (in attesa di un nuovo capitolo delle vicende di Zoe e Sebastian?). Come per altri, anche questo lavoro si arricchisce di un citazionismo prezioso, che attinge a varie discipline artistiche. Un esempio sono i titoli di film noti, quali So cosa hai fatto, Giovani streghe, Fuoco cammina con me. E nella storia si crea il parallelismo con il dramma di Paolo e Francesca, attraverso un procedimento metanarrativo che viene portato in scena dagli stessi Zoe e Sebastian, cui non a caso Barbara Baraldi fa interpretare anche Giangiotto, il marito assassino, evocando in tal modo, la duplicità della figura che è amante, ma anche mortte per Zoe. Come per i due amanti di Rimini, quello tra Zoe e Sebastian è un sentimento complesso, in quanto li mette di fronte a scelte difficili, che li rende autentici eroi.

La prima foto è di Emanuela Zini, mentre la foto che chiude l’articolo è di Ilenia Persefone.

 

Scarlett – Il bacio del demone: la recensione di Sognando leggendo

È uscita sul blog Sognando leggendo la recensione di «Scarlett – Il bacio del demone» firmata Nasreen.

Nuovo romanzo della trilogia “Scarlett” che riprende qualche mese dopo la fine del precedente, mesi che grazie a qualche informazione qua e là, riusciamo facilmente – e con piacere! – a ricostruire. L’estate è finita e le cose sono un po’ cambiate a Siena dopo il lieto fine di Scarlett I.

Scarlett ha passato qualche mese assieme alla nonna, all’estero; Marcolino (il dolcissimo fratellino minore) è sempre più strano ma squisito; i Dead Stones hanno una nuova formazione e una nuova voce e… Mikael non c’è.

Come avevamo preventivato, le infrazioni commesse da Mikael non potevano certamente rimanere inpunite e, infatti, quando scopriamo (fra un flashback e l’altro) che il giovane mezzo demone è stato richiamato nell’altra dimensione per essere giudicato non rimaniamo troppo sorpresi, purtroppo. Scarlett vive la separazione molto male ma, grazie alla bravura dell’autrice, i passaggi di maggior tristezza e depressione non diventano mai troppo carichi e inutilmente estremi. Nessuna Bella Swan con le manie di suicidio in circolazione, insomma, e per fortuna aggiungeremmo!

Mentre la nostra Scarlett lotta per Continue reading

Scarlett – Il bacio del demone: la recensione di Diario di pensieri persi

È uscita il 4 maggio nel blog Diario di pensieri persi la recensione di Scarlett – Il bacio del demone:

Cari lettori,
oggi vi parlo del nuovo romanzo urban fantasy young adult della scrittrice italiana Barbara Baraldi. Una serie imperdibile per gli amanti del genere. Quindi, se ancora non l’avete fatto, correte a prendere i romanzi di Scarlett.

RECENSIONE
 

Un urban fantasy dalle tinte dark raccontato con maestria ed eleganza, che sfiora delicatamente un lirismo ed una poesia unici, che conquisteranno il cuore dei lettori. Una storia ambientata in un universo sospeso tra realtà e fantasia dove il soprannaturale è parte integrante del nostro mondo

La quotidianità di Scarlett è scandita dalla mancanza e dai ricordi dolorosi dei momenti romantici passati con Mikael, che per amor suo ha scelto di salvare il piccolo Marco, consapevole delle conseguenze che ne sarebbero derivate. Credeva di poter condividere assieme a lui le vacanze estive con spensieratezza, ma i suoi sogni sono stati infranti prematuramente e, con ineluttabile rassegnazione, ha dovuto lasciarlo andare nel mondo parallelo per scontare la sua, forse eterna, condanna.

La sua anima è dilaniata dal dolore della separazione, dalla consapevolezza di un futuro rubato, ma anche animata da un moto di tenue speranza per l’avvenire. I ricordi si fanno accuminati e graffianti. Le parole di Closer la trafiggono come stilettate, cantate con rabbia da Vincent, in occasione del primo concerto dei nuovi Dead Stone all’inizio del nuovo anno scolastico, che sembra volersi vendicare di lei per averlo privato della presenza del suo inseparabile compagno. Un pozzo oscuro di sconforto si chiude intorno al cuore di Scarlett. Non può far nulla per salvare Mikael mentre lui ha rischiato Continue reading

Il bacio del demone

Sì, lo so… sono l’ultima a segnalarlo! Ormai se ne sta parlando da qualche giorno, e a questo punto mancava solo un post sul sito! La notizia è che «Il bacio del demone», secondo volume della saga di Scarlett, esce nella collana Shout di Mondadori il 26 aprile. Questa la copertina:

Il bacio del demone
Scarlett - Il bacio del demone

La trama recita così: Le lezioni stanno per ricominciare e a Scarlett la cosa non dispiace. Potrà riabbracciare le amiche e mettere fine alle vacanze, che per lei sono state caratterizzate dalla mancanza: Mikael, il suo ragazzo, se n’è dovuto andare per adempiere al proprio compito di Guardiano e ristabilire l’equilibrio tra il mondo degli umani e quello dei Demoni. Durante la festa di fine estate, una ragazza viene trovata morta nella propria tenda, inspiegabilmente vittima di un annegamento. Un Demone antico e potente sembra essersi risvegliato dalle acque e, senza Mikael ad aiutarla, Scarlett può contare solo su Vincent, il Mezzo Demone della Vendetta per cui lei sente attrazione e avversione allo stesso tempo. Ma può davvero fidarsi di lui? E a quale prezzo? Quando Mikael torna, Scarlett gli deve più di una spiegazione, e mentre lui combatte contro il Demone per proteggere gli umani, lei deve lottare per salvare il suo amore.

A questo punto, manca solo qualcosa di più per farmi perdonare il ritardo nell’annuncio! Che ne dite di un brano estratto? Old wounds… still bleed.

(clicca sull’immagine per ingrandirla)

Scarlett su Booksblog

Su booksblog è apparso un articolo sul fantasy al femminile di Mondadori: Gens Arcana, di Cecilia Randall – Scarlett, di Barbara Baraldi – Reckless, di Cornelia Funke.

Un estratto:

Scarlett è una ragazza di 16 anni che, dalla natia Cremona, si è dovuta trasferire a Siena con la famiglia. Dopo una prima parte di “vita adolescenziale”, in cui veniamo a conoscenza del suo carattere, dei suoi problemi, delle sue difficoltà, delle dinamiche familiari, delle sue nuove amicizie, dei nuovi ragazzi, e via dicendo (parte che serve al processo di identificazione lettore adolescente/protagonista e che è tipico della letteratura per ragazzi e YA), il romanzo entra nel vivo della storia.

Conosciamo, infatti, Mikeal, questo ragazzo dagli occhi chiarissimi, carismatico e bellissimo, che suona il basso nel gruppo dei Dead Stones. Scarlett rimane ipnotizzata e tra i due scatta qualcosa. Lentamente, mentre accadono fatti terribili, questa romantica e cupa storia d’amore nasce e si evolve, rivelandoci, a un certo punto, la vera, oscura, duplice natura di Mikeal e il suo triste destino di solitudine.

Il libro, che è scritto molto bene, ma anche in modo semplice, adatto a un pubblico giovane (forse un pochino “rapido”, in alcuni momenti), s’inquadra nel “filone” di cui fanno parte romanzi come Fallen, di Lauren Kate e Il bacio dell’angelo caduto, di Becca Fitzpatrick e, per alcuni aspetti (non vampirici), anche Twilight, di Stephenie Meyer. Scarlett, miscelando sentimenti, suspense, mistero e un tocco di horror, è assolutamente adatto a lettrici giovani e romantiche. Restiamo in attesa del seguito…

Continua qui

Barbara racconta Scarlett su Liberi di scrivere

Scarlett è nato, come spesso mi capita, da una visione inattesa, e una frase che non smetteva di girare nella mia testa: Pioggia scrosciante. Sono un randagio inzuppato di acqua e di lacrime… Nella scrittura procedo a visioni, come se un film mi passasse davanti. Ho seguito la giovane protagonista avventurarsi tra gli antichi segreti sepolti, demoni scaturiti dalle profondità, occhi fiammeggianti che minacciano morte e sofferenza, occhi di ghiaccio che promettono amore eterno. Continue reading

Scarlett – il booktrailer

È finalmente pronto il booktrailer di Scarlett! La canzone che fa da colonna sonora è degli Stardom e si intitola «Stagione di Dolly» (e potete ascoltare gli altri pezzi del loro nuovo album nel loro myspace www.myspace.com/stardom.mi). La voce narrante come sempre è della bravissima Gabriella Riva (www.myspace.com/yrbagvoice). Spargete la voce! 🙂

Scarlett: la recensione dell’Angolo nero

Scarlett
Scarlett

Barbara Baraldi
Scarlett
Mondadori – collana Shout
Pagine 319
Prezzo 16,00 euro

Scarlett è una teenager moderna e normalissima: ha una famiglia un po’ in crisi, un fratellino rompiballe, una nonna saggia che le ha fornito un talismano. Ascolta musica dall’Ipod, indossa Converse con le stelle e magliette portafortuna. Non è appariscente, non è smorfiosa e guarda con un po’ di curiosità al mondo maschile, per lei finora rappresentato dall’amico Matteo, rimasto a Cremona quando Scarlett e la sua famiglia si sono trasferiti a Siena. Nuovo anno, nuova scuola, nuovi amici. Un mondo dove inserirsi, con qualche difficoltà. Scarlett ama leggere e lega immediatamente con il bizzarro bibliotecario della scuola. Fino a quando non succede qualcosa di tremendo…

E poi, forse, l’amore. Il bellissimo e misterioso Mikael, il bassista dei Dead Stones, il gruppo più popolare della scuola, sconvolge i pensieri di Scarlett. Mikael, sempre insieme al cugino e alla bella Ofelia, Mikael che è presente al momento del bisogno per poi sparire subito dopo, misteriosamente. Quale segreto nasconde?

Presentato come “Urban Fantasy” – ma che strane etichette si sono inventati gli editori? Boh – Scarlett è un romanzo destinato a un pubblico preadolescente, ma di gradevolissima lettura per tutti.

È una lettura dolce e crudele, come possono esserlo le fiabe, come le sensazioni irripetibili.

In Scarlett Barbara Baraldi mantiene il suo stile, pulito e rigoroso, insieme all’inesauribile voglia di raccontare e di creare mondi per i suoi lettori. Il romanzo mescola generi ed elementi soprannaturali, con un risultato nitido e brillante.

Articolo pubblicato su Angolo nero

Scarlett: la recensione di Horror magazine

Scarlett
Scarlett

Barbara Baraldi

ScarlettHORROR/YOUNG ADULTS – Mondadori – Shout – 2010 – pagine 319 – prezzo 16,00 euro – giudizio: ottimo

Provate, con l’aiuto di questa quarta, a immaginare le premesse di Twiligt: un’adolescente tormentata e incompresa dalla famiglia è costretta a trasferirsi in una nuova città e a cambiare Liceo. Qui, oltre a nuovi amici, incontra un ragazzo tanto affascinante quanto misterioso di cui si innamora perdutamente. Provate poi a sostituire la parola “demone” a quella di “vampiro”, aggiungete che questo demone (che non lo è esattamente, ma il discorso è troppo complicato per togliere in questa sede il gusto al lettore di scoprire tutto da sé) non manca di fare visite notturne alla protagonista, non fidandosi tuttavia abbastanza della propria natura, ma soprattutto trasformate lo stile piatto e insignificante di Stephenie Meyer in quello asciutto ma evocativo, scorrevole ma ricco di metafore che caratterizza la Regina del Gotico italiano Barbara Baraldi e, probabilmente, anche chi ha storto il naso di fronte alla saga di Bella ed Edward troverà in Scarlett quel quid che mancava alle avventure dei vampiri d’oltreoceano, anche perché, col procedere delle vicende, la storia acquista tutt’altre pieghe e suggestioni… Continua qui