Lullaby: la recensione di Thriller cafe

La copertina di Lullaby

Oggi su ThrillerCafé la regina del nuovo gotico italiano: Barbara Baraldi, e la sua mortale Lullaby.

Titolo: Lullaby
Autore: Barbara Baraldi
Editore: Castelvecchi
Anno di pubblicazione: 2010
Pagine: 232

Un cadavere già a pagina due avvisa il lettore su che tipo di libro abbia per le mani (se ancora non l’avesse capito), e qui al ThrillerCafé non smetteremo mai di sottolinearlo: questo tipo di libro ci piace!
Prolessi sanguinosa e ansiogena, per aprire Lullaly, poi una storia che rimbomba di dolori e frustrazioni, continuamente tesa, sempre sull’orlo di deflagrare in un’emorragia di rosso pronta a inondare il nero pece che la domina. Giada, Luana, Marcello: personaggi complicati, né buoni né cattivi, in balia di eventi che li travolgono, diversissimi tra loro ma accomunati da aneliti di riscatto, che si dibattono costretti da catene di solitudini e disprezzi.
Una trama ottimamente decostruita tra i rimbalzi di prospettive e scorci di vedute che si ricompone poco alla volta verso un finale di allucinante follia provinciale; una prosa curata, perfetta nell’adattare il registro ai protagonisti, cucita addosso ai narratori con precisione sartoriale.
Un romanzo, Lullaby, che semmai ce ne fosse stato bisogno conferma Barbara Baraldi come una delle voci più interessanti della narrativa di genere italiana.
Un romanzo di quelli che piacciono al ThrillerCafé.

Recensione pubblicata su ThrillerCafé

Lullaby – La recensione di Fabio Lotti (Thrillermagazine)

Dentro di noi…

Lullaby di Barbara Baraldi, Castelvecchi 2010.

Quattro parti: Rivelazione, Illusione, Espiazione, Redenzione. Inizio con una vittima trovata uccisa da una ragazza o donna che sia. Personaggi principali: Marcello, scrittore mancato che non riesce a portare avanti il suo romanzo, nato podalico con un braccino corto, la mamma malata e assillante (la medicina, la medicina…), innamorato di una casalinga dal volto pallido, suo amico Fede e scambi di opinioni al bar di Gianni; Giada in lotta con i genitori, fidanzata con Mirko che si droga, bisognosa di affetto, di assicurazioni; Luana, la più bella della classe, la bionda celestiale, la Principessa, la regina delle fiabe.

Insieme ai problemi individuali, ai sogni, alle speranze, agli incubi, all’amore, all’odio, alla droga, al sesso, alle canzoni, ai turbamenti e alle contraddizioni adolescenziali (presentati con grande perizia psicologica), alla voglia matta di vivere e di morire, si insinuano alcuni temi della società di oggi: i diritti degli immigrati, il razzismo, la crisi del matrimonio e il grigiore dei rapporti quotidiani, la violenza sessuale e il bla bla degli esperti, anziani picchiati e derubati, la stupida violenza di ogni giorno.

E poi gli episodi e i personaggi che si intrecciano fra loro e l’uomo ucciso, presenza inquietante durante tutto il racconto (Già, chi l’ha ucciso?). E con lui altre vittime di un odio feroce, il fuoristrada scuro, Lullaby, la ninna nanna della morte, il coltello, il burattinaio,  la spiegazione finale come nel più classico dei mystery.

Psicologia penetrante, pensieri, riflessioni, ricordi, movimento, ombre e guizzi di luce, lo strazio della vita che alla fine continua imperterrita quasi con involontario umorismo (la medicina).

Prosa ora in prima persona, ora in terza attraverso un presente fermo e cocciuto. E Barbara Baraldi che entra ed esce da quegli animi, accenna, disegna, sfuma, spariglia le carte, colpisce, lascia il segno. Con grazia leggera, con tocco da artista. Un thriller del profondo e un giallo della mente.

OTTIMO

Fabio Lotti

Articolo apparso su Thrillermagazine (in coda a quello di Marilù Oliva)

Lullaby – La recensione di Marilu Oliva

Lullaby, di Barbara Baraldi, Lullaby. La ninna nanna della morteNOIR – Castelvecchi – Le Torpedini – 2010 – pagine 232 – prezzo 15,00 euro – giudizio: eccellente

É mortale la ninna nanna che rintocca dark nell’ultimo romanzo di Barbara Baraldi, intitolato Lullaby, la ninna nanna della morte ed edito da Castelvecchi nella collana Le Torpedini.
Dopo la prolessi di un prologo insanguinato e proiettato nel futuro prossimo, la storia si divide in quattro capitoli che serbano già nel loro nome il paradigma di un percorso corvino: Rivelazione, Illusione, Espiazione, Redenzione.

Subito la scrittrice cala il lettore in una realtà paesana universale e verosimile. Gli elementi ci sono tutti: il bar, gli amici che poi così amici non sono ma si ritrovano legati per consuetudine, i pregiudizi, le diffidenze, i pettegolezzi, il microcosmo come specchio concentrato –e per questo più terrifico— di un male che dall’eternità attanaglia l’uomo. Ma lo specchio si rompe e allora arrivano i guai… Continue reading

Lullaby – La recensione di Milanonera

di Eva Massari

Fragili e inquiete, le fate di Barbara Baraldi danzano sulle note di una ninnananna  punk.

Giada, una creatura della notte stretta nel suo universo buio e claustrofobico, e Luana, vibrante di luce nel suo nido di cristallo.

Facce opposte della stessa luna.

Per il mondo sono solo due adolescenti, compagne di scuola che vivono la loro favola fatta di chiacchiere, complicità e sogni da condividere, che se ne fottono dei patti con gli adulti e tessono  incerte la tela delle loro Continue reading

Lullaby – La recensione di Horror magazine

Lullaby - La ninna nanna della morte
Lullaby - La ninna nanna della morte

Barbara Baraldi, Lullaby. La ninna nanna della morteHORROR/THRILLER – Castelvecchi – Le Torpedini – 2010 – pagine 232 – prezzo 15,00 euro – giudizio: ottimo

“Alberi, sole accecante, campi di grano”.
E buon odore di carta intonsa, quando si apre un libro nuovo di zecca.
E’ qui che avviene il primo delitto del nuovo romanzo di Barbara Baraldi, in un “futuro prossimo” da cui bisogna inizialmente distanziarsi e, come si diceva nelle fiabe, fare un piccolo passo indietro, per capire cos’è appena successo. Ed è proprio un alone di fiaba quello che avvolge la trama, accompagnato dalla melodia dolce e ossessiva della ninna nanna dei Cure.

“Mi guardo alle spalle. Ormai sono troppo lontana dalla strada, completamente coperta dall’ombra della grande cisterna. Avverto il pericolo, mai tornare indietro in caso di pericolo. Troppo prevedibile. Allora corro avanti.
Inciampo.
D’istinto allungo le braccia. Lo abbraccio quasi, la mia bocca a pochi centimetri dalla sua. Spalancata, come gli occhi. Il cadavere, occhi vitrei che non vedono, mi fissa. Sgozzato, scomposto.
Grido.”

La fiaba diventa oscura, nera, rosso sangue, riportandoci alla memoria quel Barbablù che ha disturbato i nostri sonni infantili, o alimentato le nostre fantasie di scrittori e lettori. Continue reading

Lullaby: Gothic Vertigo – la recensione di Maura Chiulli

Lullaby-coverAll’uscita del nuovo romanzo di Barbara Baraldi: Lullaby, la ninna nanna della morte, edito da Castelvecchi nella nuova collana Le Torpedini (p.232, euro 15,00). Ho avuto l’onore di leggerlo in anteprima e fatico a raccoglierne pagine e sensazioni, che mi sono implose nello stomaco. Una bomba.

Visionaria, assassina, indiscutibilmente nera, la penna di Barbara Baraldi sceglie con perizia le posizioni migliori dalle quali colpirci, con la precisione infallibile del cecchino. A quest’ora dovrei essere al lavoro, ma nascondo le ore pagate tra queste pagine che non posso fare a meno di scorrere, con avidità e segreto.

<<Rumore sordo>>, ossimoro caro all’autrice, immagine che scandisce il battito irregolare che mi  affanna, dal Prologo. Punk, non il romanzo, solo il nome di un pupazzo che Barbara Baraldi posiziona sul mio letto: sì, è inevitabile l’identificazione imperfetta e malsana nella protagonista femminile: Giada. Sento di non avere abbastanza fiato per resistere a queste 232 pagine di apnea, ma il coraggio è la necessità di un lessico asciutto, tagliente, immaginifico. Esploro i personaggi con stolida arrendevolezza: questa volta Barbara Baraldi ci regala stati di ansia e di terrore, con quella mossa lieve che solo alla sua mano riesce.

Senza sforzi, sembra che la scrittrice abbia chiaro fin dalla prima pagina dove inserirsi: in quel incavo stretto tra la gola e l’esofago. La morsa ci spinge a scorrere le pagine per tentare una salvezza, una via di fuga dall’orrore di un uomo, che vegeta sognando un matricidio in cambio di Ispirazione e una Ragazza Nera. In un corpo a corpo lacerante, Barbara Baraldi combatte il germe della banalità, regalandoci immagini tutt’altro che prevedibili. Ci obbliga all’Espiazione: peccatori, lettori nuovi e inesperti, anime nere e collaudate, donne bianche e impunite troveranno tortura e redenzione in questa vertigine gotica. La tensione è alta: resto sospesa tra sogno e realtà.

Inganno e verità: la Morte domina questo testo tridimensionale, che mi accoglie, mi ingoia. Nessuna anticipazione, solo un’impressione su Lullaby, una ninna nanna infernale che saprà restarvi dentro lungamente, come un proiettile sotto il cuore, impossibile da estrarre.

di Maura Chiulli, scrittrice.